Food, Photo & Thoughts

mercoledì 23 aprile 2014

Torta agli asparagi e taleggio

Amo gli asparagi e in questa stagione ne faccio grandi scorpacciate.
Ho la fortuna di potermi rifornire di questo ortaggio a kilometri zero.
Proprio nella mia zona, infatti, vengono coltivati i deliziosi asparagi di Santena, dal colore verde intenso e belle sfumatura violacee.
Il loro sapore si sposa bene con le uova e i formaggi.

Torta agli asparagi e taleggio

In questa torta salata li ho abbinati ad un taleggio non troppo stagionato ma saporito e cubetti di pancetta affumicata.
Un'idea veloce e gustosa per cucinare gli asparagi e mettere in tavola un ottimo piatto primaverile.

Torta agli asparagi e taleggio

Ingredienti per una teglia da 20x25 cm:
- 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
- 120 g. di asparagi (già cotti)
- 40 g. di pancetta affumicata
- 60 g. di taleggio
- 200 ml di panna
- 1 uovo (io bio)
- sale e pepe q.b.

Per pulire gli asparagi tagliare via la parte legnosa del gambo e pelare, con un pelapatate, il resto del gambo. Lavarli bene sotto l'acqua corrente e sbollentarli in acqua salata per una decina di minuti o 4 minuti in pentola a pressione nel cestello per la cottura a vapore.

Stendere la pasta sfoglia e rivestire la teglia, ritagliando l'eccesso dai bordi. Bucherellare il fondo con una forchetta.
In una ciotola sbattere l'uovo con la panna, il sale e il pepe. Aggiungere quindi i cubetti di pancetta affumicata, il taleggio fatto a pezzetti e gli asparagi anch'essi ridotti a pezzi di circa 2 cm (tenerne alcuni da parte, interi).
Versare il composto nella teglia rivestita di sfoglia e adagiarvi sopra gli asparagi interi.
Volendo coprire con strisce di pasta sfoglia ottenute con il rullo per losanghe.

Cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 30/35 minuti o comunque fino a quando la superficie della torta sarà dorata.

Lasciar intiepidire prima di servire.

Torta agli asparagi e taleggio

Torta agli asparagi e taleggio



sabato 19 aprile 2014

Re-Cake 7: Hot Cross Buns

 Hot Cross Buns

Un dolce, quello del Re-Cake di Aprile, tipico delle festività pasquali e perfettamente in linea con la mia passione per le ricette anglo-americane.
Soffici panini dolci, tradizionalmente preparati il Venerdì Santo (io ovviamente li ho preparati oggi che è sabato...), caratterizzati da una candida croce di acqua e farina che rappresenta la crocefissione di Gesù.

Hot Cross Buns


Ingredienti:
Per i panini:
- 80 g. di burro fuso, a temperatura ambiente
- 250 ml di latte fresco intero
- 80 g. di fruttosio (o 100 g. di zucchero semolato)
- 14 g.  lievito di birra secco
- 1 cucchiaio di sale
- scorza di 1 limone bio
- scorza di 1 arancia bio
- 4 uova bio, leggermente sbattute
- 860 g. di farina 0
- 50 g. di mirtilli rossi disidratati
- 50 g. di gocce di cioccolato bianco
- un pizzico di cannella
- un pizzico di noce moscata in polvere
- sciroppo d'acero
Per il bun crossing paste (la croce sul panino):
- 2 cucchiai di olio evo 
- 150 g. di farina
- un pizzico di sale
- 120 g. circa di acqua

Intiepidire il latte e, nella planetaria o in una ciotola, unirvi il burro, il fruttosio, il lievito, il sale, le scorze e le uova.
Impastare e aggiungere lentamente la farina, lavorando l'impasto finchè sarà morbido e liscio.
Aggiungere i mirtilli rossi, le gocce di cioccolato e incorporare bene all'impasto.
Fare una palla e lasciar lievitare fino al raddoppio (circa 2 ore) in una ciotola imburrata e coperta con pellicola per alimenti.
Sgonfiare l'impasto lavorandolo brevemente e formare 12 palline uguali.
Disporle su una teglia rivestita di carta forno, leggermente distanziate, e coprire nuovamente con pellicola. Lasciar lievitare ancora fino al raddoppio quindi scaldare il forno a 190°C.

Preparare l'impasto per le croci amalgamando tutti gli ingredienti e creando una croce sopra ogni panino, con l'aiuto di una sac-a-poche con bocchetta tonda.
Infornare per circa 20 minuti, girando la teglia dopo i primi 10 minuti. 
Sfornare quando i panini sono ben dorati.
Sfornare e far raffreddare su una gratella.

Infine spennellare i panini con sciroppo d'acero, per lucidarli e renderli più golosi.

Hot Cross Buns







   

giovedì 17 aprile 2014

Bagel di Farro e Suggestioni d'Autore

Emozione, curiosità e entusiasmo.
Questo ciò che ho provato leggendo un messaggio di Luca Pegoraro, scrittore emergente che ha pubblicato il suo primo romanzo "Per Adesso No" (ed. Libromania) nel gennaio 2014:

'sera blogger, ogni tanto mi vengon le idee malsane: ma - se in futuro chissà forse magari perché no - se unissimo i nostri super cervelli, tipo che ne so: tu inventi comesolotusaifare un dolcetto o quel che vuoi e mi dici qualche parola chiave e sotto la foto del dolce io mi invento una mini storia e la assembliamo tipo in una raccolta di post? che dici? sarebbe un'idea fattibile?

La mia risposta: Amo le idee malsane! La proposta mi piace, beccati sti Bagel, che non sono nemmeno un dolcetto...      :)

Come solo i veri artisti sanno fare, la notte stessa Luca ha sognato bimbi cicci, salvagenti e bagel e ieri ho ricevuto quella che per lui era "...la brutta. enjoy or destroy it".

Lascio giudicare a voi quanto sia "brutta".
Io come sempre rimango incollata allo schermo quando lo leggo e sono onorata che abbia scritto per me.

Grazie Liuk!


Bagel di Farro






La seconda ed ultima ricetta per il contest del Molino Grassi "Blogger Love Qb" sono questi Bagel di Farro.
Nel pacco ricevuto dal Molino Grassi, oltre alla strepitosa Manitoba con cui ho realizzato questo Pane Dolce al Cacao e Nocciole del Piemonte, c'era un pacco di farina Einkorn, una miscela di farina integrale di farro monococco biologico e farina tipo 1 di grano tenero biologico.

Il profumo di questa farina è delicato e invitante.
Appena aperto il pacchetto ho capito che era una farina speciale, che meritava di essere utilizzata per una preparazione speciale.

Insieme al profumo della farina Einkorn ho sentito che era giunto il momento di preparare queste gustose ciambelle di pane, dalle antiche origini ebraiche, che prima vengono bollite e poi cotte nel forno.
La tradizione vuole che i bagel siano stati sfornati, per la prima volta, agli inizi del 1600 a Cracovia e donati alle donne in occasione del parto. La loro forma ad anello rappresenterebbe il ciclo della vita e un augurio di buona sorte.
Niente male, per un "semplice pane".

Gli ingredienti principali di questi bagel sono il mio amore per le farine e i lievitati, un pizzico di nostalgia per le terre americane e l'entusiasmo di creare con le mie mani piccoli pani così ricchi di storia.

Io ho lasciato lievitare l'impasto per oltre 12 ore, mettendolo in frigo durante la notte, in modo da ridurre la quantità di lievito necessaria. Li ho poi farciti alla tipica maniera americana: formaggio spalmabile e salmone affumicato marinato con senape ed aneto.


Bagel di Farro


Ingredienti per 4 bagel:
- 250 g. di farina Einkorn di Molino Grassi
- 3 grammi di lievito di birra fresco
- 1 cucchiaio di zucchero di canna
- 1 cucchiaino di malto d'orzo
- mezzo cucchiaino di sale
- 180 g. di acqua
- semi di sesamo e di papavero
- sale grosso

Sciogliere il lievito in una tazzina con una parte dell'acqua (intiepidita) e un po' di zucchero. 
Setacciare la farina nella planetaria, aggiungere il lievito disciolto, lo zucchero, il malto d'orzo e, aggiungendo poca acqua alla volta, iniziare ad impastare con la foglia. Quando l'impasto si sarà staccato dalle pareti della planetaria aggiungere il sale, montare il gancio e continuare a lavorare fino ad ottenere un impasto perfettamente liscio, elastico e incordato: non deve attaccarsi nè alle mani nè alle pareti della planetaria.
Formare una palla e mettere a riposare in una ciotola ben oleata. Coprire con pellicola per alimenti lasciata morbida e lasciar lievitare per circa 2 ore, dopodiché riporre l'impasto in frigorifero per circa 12 ore. 
Il giorno successivo togliere l'impasto dal frigo e lasciarlo tornare a temperatura ambiente (almeno 1 ora).

Sgonfiare l'impasto sulla spianatoia infarinata, ottenere quattro palline di uguali dimensioni e bucarle nel centro creando delle ciambelle. 

Mettere a bollire almeno 2 litri di acqua con due cucchiai di malto di orzo disciolto (per dare un bel colore dorato ai bagel). Quando l'acqua prende bollore senza essere troppo tumultuosa calare il primo bagel. 
Se l'impasto è riuscito bene la ciambella dovrebbe scendere sul fondo della pentola, restarci un paio di minuti circa e poi tornare in superficie. 
Per me la risalita di ogni bagel in superficie è stato un momento emozionante :)
Dal quando risale in superficie lasciar cuocere per tre minuti, girare la ciambella e cuocere altri tre minuti sull'altro lato.
Scolare su un panno inumidito e lasciar intiepidire.
Spennellare con bianco d'uovo e cospargere coi semi più graditi e sale grosso.

Infornare quindi a 180°C per 25 minuti, fino a perfetta doratura.

Attendere che si raffreddino e, prima di farcirli, tagliare le ciambelle a metà e tostarle su una piastra molto calda.

Io ho marinato del salmone affumicato con senape, limone, sale e aneto.
Ho poi farcito i bagel tostati con foglie di insalatina, formaggio spalmabile e il salmone marinato.



Bagel di Farro









Facebook Share